Pali CFA (Pali Elica Continua)

Pali CFA (Pali elica continua)

Pali CFA

Pali CFA (Pali elica continua)

Pali CFA (Pali elica continua) , sono pali trivellati gettati in opera, eseguiti a rotazione con l’utilizzo di una apposita rotary di momento torcente montante apposita elica continua dotata di un’asta cava e chiusa alla base con un dispositivo che impedisce l’entrata di terreno ed acqua durante lo scavo.

L’elica continua è l’elemento principale di questa tecnica che viene infissa nel terreno senza estrazione di materiale, al centro della spirale è posto un tubo attraverso il quale viene pompato il calcestruzzo.

Il pompaggio del calcestruzzo a pressione, avvia la fase di risalita dell’elica che risalendo asporta anche il terreno presente nelle sue spire. A getto ultimato viene infissa la gabbia metallica di armatura.

I vantaggi che presenta tale tecnica dei Pali CFA (Pali elica continua) sono:

- la produzione di circa 200 ml al giorno

- l’esecuzione senza l’ausilio di fanghi bentonitici o polimerici, tubi forma etc

- data l’assenza di fanghi un minore impatto ambientale con conseguente abbattimento dei costi per il loro smaltimento

- minor ingombro nelle aree di cantiere

- maggiore capacità portante del palo

gli svantaggi di tale tecnica sono:

- impossibilità di eseguire lo scavo a vuoto

Ove previsto, i pali possono essere armati per tutta la lunghezza tramite gabbie di armatura inserite nel calcestruzzo ancora fresco.  Calcestruzzo di caratteristiche S5, con granulometria di calcestruzzo max 15 mm, confezionato secondo un particolare fuso granulometrico fornitovi prima dell’inizio dei lavori; per posa delle gabbie di armatura in profondità superiori a 12 mt il necessario utilizzo di calcestruzzo autocompattante tipo SCC, ed il copriferro dovrà essere min. 8 cm.

Dati tecnici
Diametro del palo: tra 300 e 1500 mm
Profondità: 35 ÷ 40 metri (con caricatore di eliche) in funzione della consistenza del terreno.

Fasi di lavorazione

Pali CFA Marchese Group

Condividi sui social: